Aerei

Alcune foto di aerei ritratti nel corso di manifestazioni aeree o catturati sull'aeroporto Gianni Caproni di Trento. Le elaborazioni sono fatte per lo più con applicazioni di elaborazione grafica su Macintosh. Per una immagine ad alta definizione basta un click sulla miniatura.

  1. Sukhoi 27
  2. Airbus A 340-606
  3. Piper Super Cub
  4. Eurofighter
  5. Sukhoi 26
  6. Sukhoi 31
  7. Dornier 228
  8. Cessna 172
  9. Cessna 337 Skymaster
  10. Cessna Conquest II
  11. Cessna Citation Jet
  12. Piper Malibù
  13. Piper Archer II
  14. TL 96
  15. Pilatus™ PC XII
  16. Sfogo alla matita

Sukhoi 27

Due foto del Sukhoi 27, caccia sovietico costruito come risposta agli statunitensi F 14 ed F 15. nato come intercettore, con lunga autonomia, mostra allo stesso tempo doti da caccia puro, grazie all'elevato rapporto spinta peso ed al ridotto margine di stabilità.

Il Sukhoi 27 presenta un esteso uso delle LEX (Leading Edge eXtension) che portano l'ala a fondersi con la fusoliera. In coda la doppia deriva permette il controllo ad alti angoli d'attacco. I motori, Saturn/Lyulka AL-31, sono posti sotto la fusoliera e distanziati tra di loro.

Nella prima foto, una piccola elaborazione fatta con Photoshop. Un Sukhoi dal collo lungo con autonomia ....... avete presente i portatili della Apple ..... pressoché infinita.

 

Airbus A 340-606

Una delle novità del salone di Bourget 2001, una versione esamotore dell'A 340, per decollo in climi caldi ed ad alta quota.

Piper Super Cub

Uno dei più begli aerei che ci sia. Qui ritratto sul campo di volo di Dunstable Down (U.K.) ed usato come trainatore. Sulla coda il simbolo di tutta la famiglia dei "cub", un cucciolo di orso.

La seconda foto è di un esemplaare italiano, ritratto sull'aereoporto di Trento.

il Piper Super Cub è caratterizzato da un'ala alta controventata, ricoperta in tela. L'ala è a profilo costante, con estremità arrotondate. Il carrello di atterraggio è del tipo triciclo posteriore, fisso.

Due posti in tandem, una velocità di crociera di 185 km/h ed una robusta struttura in tubi d'acciaio e tela. Ha volato per la prima volta nel 1938.

La produzione dell'aereo, nelle sue varie versioni ha raggiunto i 14.124 esemplari. (Fonte Lan Allan Ltd)

Eurofighter

Il caccia nasce all'interno del consorzio omonimo fondato nel 1986 da Germania, Italia, regno Unito e Spagna. Il programma sfrutta l'esperienza maturata da BAe grazie algli studi sull'EFA (European Fighter Aircraft). Tra le eredità raccolte ci sono la configurazione canard instabile, i comandi di volo attivi digitali (fly by wire) l'avionica avanzzata con schermi multifunzzione nel cruscotto, struttura in compositi con fibre di carbonio ed un uso esteso di leghe Li-Al e Ti.

Il dimostratore tecnologico ha volato per la prima volta nell'Agosto 1986, propulso da una coppia di turbofan RB.199 ed è stato ritirato nel 1991, dopo un esteso programma di prove di volo.

 

Sukhoi 26

Il Sukhoi 26 è un aereo acrobatico sviluppato dallo stesso costruttore dei caccia Sukhoi 27. Il primo volo di questo aereo acrobatico monoposto con ala media a profilo simmetrico, è avvenuto nel 1984.

L'aereo è caratterizzato da una velocità massima di 260 km/h, grazie al motore Vedeneyev M-14P radiale da 268 kW.

Sukhoi Su-31

L'aereo acrobatico Sukhoi 31 ritratto sugli aerteoporti di Cuneo Levaldigi e Caiolo (SO). L'esemplare sponsorizzato da Reggiane è abilmente pilotato da Sergio Dallan.

il Su 31, sviluppo del Su 26M,ha effettuatoil primo volo nel 1992. Si tratta di un aereo acrobatico, con ala media a profilo simmetrico e variabile. Il lungo muso accoglie un motore radiale, con elica tripala.

Il carrello di atterraggio è di tipo biciclo, con le ruote principali su balestra fissa e ruotino di coda sterzabile, collegato al timone di coda e retrattile.

Il motore è un Vedeneyev radiale a 9 cilindri, capace di sviluppare una potenza massima di 298 kW.
 

Dornier 228

 

Il Dornier 228 è un velivolo biturboelica non pressurizzato da 15-19 posti, usato per trasporto passeggeri e ruolo "utility". Il Do 228 è fabbricato dalla Dornier, attualmente parte del gruppo Daimler Benz Aerospace.

Il progetto è stato avviato nella metà degli anni '70 con lo studio della nuova ala TNT. Il prototipo ha volato nel Marzo 1981. L'entrata in servizio risale all'Agosto 1982.

La gamma del Do 228 comincia con il modello -100 da 15 posti. Segue la versione -200 allungata con capacità fino a 19 posti. L'ultimo modello prodotto è il 228-212 con motori aggiornati. La versione -212 è stata certificata nel Luglio 1990. Del Dornier 228 sono state sviluppate versioni per pattugliamento marittimo, piattaforma portasensori, cargo, ambulanza ed altre varianti.

Sono stati consegnati 220 esemplari di Do 228. Circa 75 di questi sono usati da enti governativi e società. Alcune compagnie aeree hanno acquistato piccoli lotti di Do 228. Sono due le compagnie aeree che hanno acquistato più di 10 esemplari: Formosa di Taiwan e la Precision statunitense.

Attualmente il Do 228 viene prodotto su licenza in india dalla Hindustan Aeronautics Ltd. La HAL ha fino ad ora costruito 20 esemplari di Do 228. Sei di questi sono operati dalla compagnia Vayudoot, i restanti esemplari sono utilizzati dal governo e servizi militari indiani.

Cessna 172 Skyhawk

E' l'aereo prodotto nel maggior numero di esemplari nella storia dell'aviazione, superando anche il Messerschmidt Bf 109. Dopo una interruzione nella produzione durata alcuni anni, la linea di produzione è stata riattivata.

E' propulso da un Textron Lycoming IO-360-L2A da 160 cavalli, con un'elica bipala McCauley.

Può accomodare quattro persone e con il pieno di carburante (56 galloni) coprire distanze di 580 miglia nautiche a 122 nodi di crociera (75%).

Cessna 337 Skymaster

Aereo dalla inconfondibile configurazione "push-pull" con ala alta e carrello retrattile. Il prototipo di questo velivolo ha volato per la prima volta il 30 Marzo 1964, come sviluppo del precedente modello Cessna 336. Rispetto al progenitore (Cessna 336) questo velivolo è stato ampiamente riprogettato. I cambiamenti hanno riguardato l'ala, la capottatura del motore anteriore, il cono di "coda" e l'introduzione di una nuova presa d'aria dorsale per il motoore posteriore.

La prima versione prodotta, a partire dal 1965, aveva un peso al decollo di 4200 lb, propulso da una coppia di motori IO-360C.

Nel 1967 venne introdotta la versione 337B, propulsa da una coppia di TSIO-360-A, motore turbocompresso con potenza nominale di 210 hp. Il peso al decollo venne portato a 4.300 lb.

Le successsive versioni civili sono state:

    • 337C nel 1968, con peso al decollo salito a 4.400 lb;
    • 337D nel 1969, con aggiornamenti minori;
    • 337E il primo ad essere costruito dalla Reims in Francia;
    • 337F con peso al decollo di 4.630 lb;
    • 337G con motori Continental IO-360-G, vetri posteriori laterali di minore superficie, elica anteriore di dimensioni superiori, longheroni alari modificati e flaps migliorati;
    • 337H l'ultima versione prodotta fino alla chiusura della linea nel 1980.

 

Cessna Conquest II

Si tratta di una versione turboprop del Cessna 404. Lo sviluppo è cominciato nel 1974, con il primo volo nel 1976. La produzione è proseguita fino al 1986.

Propulso da una coppia di turboelica Garret TPE331 da 474 Kw, può trasportare fino a 9 passeggeri oltre a pilota e copilota.

Anche la Reims ne ha sviluppaata una versione, propulsa da Pratt & Whitney PT6A, priva di pressurizzazione cabina.

Cessna Citation Jet

Il più piccolo dei biturbina di casa Cessna, con un velocità di crociera di 380 nodi ed una autonomia di 1475 miglia nautiche. E' propulso da una coppia di turbofan Williams Rolls Royce FJ-44 da 1900 libbre di spinta ciascuno. Queste le altre caratteristiche: Gross Weight: 10400 lbs Empty Weight: 6159 lbs Ceiling: 41000 ft Fuel Capacity: 3220.00 gal Stall Speed (dirty): 81 kts

Cessna CJ-1

Piper Mirage

Il Piper Mirage, il più evoluto tra i monomotori a pistoni di casa Piper™, propulso da un Lycoming TIO-540-AE2A da 350 hp.

Ha una velocità massima di 220 nodi, una velocità di crociera veloce di 213 nodi ed una velocità di stallo di 58 nodi (con flap estesi) che gli conferisce una corsa di atterraggio di 311m.

La tangenza massima (si tratta di un aereo pressurizzato con una pressione differenziale di 5,5 psid) è di 25.000ft.

 

Piper Archer II

Uno dei tanti indiani nati alla Piper. in particolare il nome "Archer II" corrisponde al Piper 28-181. L' Archer II è l' evoluzione della famiglia dei "Cherokee". La novità maggiore in questa versione è rappresentata dall' ala rastremata anzichè a pianta rettangolare.

Si tratta di uno degli aerei di aviazione generale più diffusi. Per lo meno uno di quelli di maggior successo prodotti dalla Piper. Si tratta di un velivolo con 4 posti, propulso da un Lycoming da 180 HP. Per quanto riguarda le prestazioni, la velocità di crociera si attesta su 125 knots, a fronte di una velocità di stallo di appena 40 knots.

Le caratteristiche principali:

  • Lunghezza: 24 Apertura alare:35 ft
  • Motore: Lycoming 180 hp
  • Velocità di crociera 125 knots
  • velocità di stallo: 49 knots
  • Velocità ascensionale :667 fpm
  • Tangenza: 13,236 ft
  • Capacità serbatoi:48 galloni
  • Autonomia: 565 miglia nautiche

TL 96 STAR

TL-96 STAR è un ultraleggero prodotto dalla cecoslovacca TL-ULTRALIGHT Company. E' propulso da un ROTAX nelle versioni 912, 912 S o 914. L'elica ha passo variabile in volo, controllato elettronicamente.

Il range di velocità va dallo stallo a 63 Km/h alla massima (VNE) di 275 Km/h. la velocità massima in volo orizzontale è di 250 Km/h.

La cabina accomoda due persone in sedili affiancati. Per il resto si tratta di un ala bassa, con carrelo triciclo e freni sulle ruote principali. l'ala è dotata di flap posizionabili in due configurazioni (decollo ed atterraggio). Non ultimo: l'ala è smontabile nel caso fosse necessario carrellare l'ULM.

 

Pilatus PC XII

Pilatus PC XII, l'interpreetazione data dalla pilatus sul tema "monomotore turboelica".

Un velivolo adatti ai più vari impieghi, dal corporateall'utility, senza dimenticare versioni speciali come Maritime Patrol.

Con un equipaggio di volo di 1-2 pilots, può accomodare da 6 passeggeri (configurazione corporate / executive) fino a 9 passeggeri (configurazione epr voli regionali). La cabina può essere allestita anche per ospitare quattro passeggeri più un pallet (configurazione passeggeri / merci).

Il prototipo ha effettuato il primo volo nel maggio1991, con la certificazione a seguire, sia in Svizzera sia negli stati uniti a metà del 1994. Si confronta, come classe e prestazioni, con il Beech King Air, con il vantaggio di un singolo motore ed una cabina più larga ed una porta di accesso più ampia.

Propulso da un turboelica Pratt & Whitney Canada PT6A-67B da 1,200 shp / 895 kW collegato ad un'elica quadripala a giri costanti Hartzell.

Queste le dimensioni:
Apertura alare: 52 ft 3 in / 16.23 m.
Lunghezza: 47 ft 3 in / 14.4 m
Altezza : 14 ft 0 in / 4.26 m.

Pesi:
A vuoto: 5,732 lb / 2600 kg
Massimo al decollo: 9,920 lb / 4500 kg


Prestazioni:
Velocità massima di crociera: 270 kts. / 500 kph at 25,000 ft.
Crociera economica: 232 kts. / 430 kph
Velocità ascensionale: 1,680 ft per min.
Tangenza massima: 30,000 ft.
Raggio d'azione: 2,260 n. mls. / 4187 km. alla velocità di crociera economica, con riserve.

 

Pilatus PC XII

Pilatus PC XII

Pilatus PC XII

 

 

 
 
 
 

Foto: Luca Arnulfo

Didascalie: Luca Arnulfo

Ultimo aggiornamento: 18 November, 2004

 

 Back